Vai alla Home Page
Inghiottitoio Varlacarla - Monte San Giacomo (SA)

Inghiottitoio Varlacarla

L'inghiottitoio di Pian di Varlacarla, conosciuto anche come grotta Merola, in località Tempe di Tornicelle, presso il comune di Monte San Giacomo, si apre a circa 980 m s.l.m., ed ha uno sviluppo complessivo di 50 m, articolandosi su più livelli.
Alla prima esplorazione del GASP (Gruppo Amici Speleologia Padulese) nel 1975, seguì una ricognizione da parte di Bruno d'Agostino per conto della Soprintendenza alle Antichità di Salerno nello stesso anno. Una terza visita venne effettuata dallo Speleo Club di Roma (SCR) nel 1987. Nel 1998, durante la seconda campagna di scavo alla Grotta del Pino, la cattedra di Paletnologia dell'Università di Napoli Federico II vi condusse una breve ricognizione, che confermò la grande importanza del sito. Si tratta di un inghiottitoio attivo che drena un bacino chiuso con tre accessi: uno superiore ed agevole, costituito da un camino della profondità di 7 m; uno intermedio, attualmente ostruito da una frana, probabilmente usato nel passato, perché dava accesso diretto al meandro principale; il terzo, e più basso, costituito da un pozzetto di circa 3 m. In un'ampia sala sono presenti in superficie numerosi frammenti ceramici, tracce di focolari ed ossa animali; al di là di questo ambiente si giunge al meandro principale, dove un piccolo anfratto è stato destinato a grotticella funeraria con resti umani, attribuibili a due individui (di uno dei quali è presente solo il cranio), resti di un capretto e nessun elemento di corredo. Una seconda ricognizione venne effettuata nel corso della campagna di scavo condotta nel luglio 2000 alla Grotta dei Vallicelli. In questa occasione fu possibile esaminare da vicino due grandi pilastri stalagmitici, alti poco più di 1 m, che si trovano all'imboccatura della sala principale. La presenza su tutta la superficie di queste stalagmiti di numerosi segni tra loro paralleli, insieme alla destinazione funeraria della cavità, testimoniata dalla sepoltura già menzionata, tenderebbe a suggerire una probabile origine intenzionale dei segni stessi, origine che dovrà essere confermata da analisi più approfondite del contesto e da una più accurata analisi al microscopio che riveli le modalità di esecuzione di queste incisioni. I resti ceramici raccolti sono di impasto mediamente depurato, alcuni dei quali ornati con cordoni ad impressioni digitali, altri di impasto più fine e di spessore sottile, tutti ascrivibili al Bronzo medio, come già osservato da Bruno d'Agostino nel 1981. Alcuni frammenti appartengono a tazze carenate, altri di spessore maggiore, fanno pensare a vasi di grandi dimensioni di uso domestico.

Bibl. Piperno M. (a cura di) 2001, La Preistoria alle falde del Monte Cervati, Finiguerra Arti Grafiche, Lavello.

Discesa nell'inghiottitoio
Discesa nell'Inghiottitoio Varlacarla
Gli altri scavi
Il Progetto Archeodromo
Links
powered by mediastudio

Valid HTML 4.01 Transitional